Avellino bello e sconfitto: 2 a 1 per la Reggina. I lupi protestano

Avellino-Reggina:1-2
AVELLINO (3-5-2): Tonti; Illanes, Zullo, Laezza; Celjak, De Marco (25′ st Rossetti), Di Paolantonio, Micovschi, Parisi (1′ st Karic); Albadoro (25′ st Alfageme), Charpentier. A disp.: Pizzella, Abibi, Palmisano, ,  Njie,  Carbonelli, Evangelista, Silvestri, Petrucci. All.: Capuano.
REGGINA (3-4-1-2): Guarna; Loiacono, Blondett, Rossi; Garufo, Bianchi (36′ st Gasparetto), De Rose (13′ st Salandria), Rolando; Bellomo (1’st De Francesco); Reginaldo (9′ st Denis), Corazza (1′ st Doumbia) . A disp.: Farroni, Lofaro, Marchi, Paolucci,  Bresciani, Gasparetto, Rubin. All.: Toscano.
MARCATORI: 19′ st Denis, 24′ st Denis, 27′ st Charpentier
ARBITRO: Gariglio di Pinerolo.
Guardalinee: Gualtieri-Massimino.

Note: Ammoniti: Celjak, Parisi, Capuano (A), Blondett, Toscano(R) Angoli: 5-2. Rec: 3′ st

Classico e collaudato 3-5-2 per l’Avellino con Albadoro al fianco di Charpentier. In mediana torna De Marco dal primo minuto con Celjak sulla corsia esterna.

LA GARA – Al 4′ Reggina pericolosa con Garufo che mette in mezzo per Bianchi che appoggia a Reginaldo e calcia sul fondo.

Poco dopo è l’Avellino a rendersi pericoloso, Cejiak serve un gran pallone in mezzo a Charpentier che anticipa Guarna si gira e calcia, ma il tiro non è dei migliori e la Reggina si salva.

L’Avellino si difende con ordine e prova a sfruttare il contropiede. Al 28′ gli amaranto ci provano con una punizione a giro di Bellomo che finisce di poco al lato.

Al 30 ‘ Garufo serve Reginaldo in area, l’ex Treviso si gira e calcia, ma tiro bloccato senza problemi da Tonti.
Al 36′ l’assistente Massimino indica il fuorigioco, mentre l’arbitro Gariglio fa proseguire con la Reggina che tra le proteste dei lupi va al tiro con Corazza.

Al 37′ su un cross basso di Garufo, Laezza salva in angolo anticipando Reginaldo. Lupi che resistono. Il primo tempo si chiude con le squadre che vanno negli spogliatoi sullo 0 0 a 0.

SECONDO TEMPO – L’Avellino parte forte nella ripresa con un pressing asfissiante sui portatori di palla della Reggina. Al 3′ Bianchi serve in area Reginaldo anticipato da Tonti con Zullo che salva e spazza.

All’8′ occasionissima per l’Avellino triangolazione Di Paolantonio-Charpentier, con il francese che in progresseione entr in area, ma non trova nessuno al centro e Guarna salva.

Un minuto dopo ci prova Albadoro dal limite, con il portiere che respinge. 11’esimo ci prova Di Paolantonio. Il suo tiro è alto. E’ una squadra quella di Capuano che ha giocato alla pari con la capolista.
Al 19′ Denis con la complicità di Tonti realizza di testa su cross di Garufo il gol del vantaggio. Una conclusione debole, con l’estremo difesnore irpino che non riesce a respingere.
Al 24′ su un fallo non fischiato all’Avellino, la Reggina raggiunge il raddoppio con Denis su un assist di De Francesco, ma precedentemente c’era stato un fallo su Laezza. Un arbitraggio quello di Gualtieri molto discutibile.

Al 27′ l’Avellino accorcia, Alfageme protegge parla appoggia a Micovschi, quest’ultimo pennella un perfetto cross al centro per Charpnentier che di testa non perdona. Il francese sale a quota cinque in classifica e tiene vivi i lupi.

Al 33′ Rossetti si libera e calcia dal limite, tiro al giro deviato sul palo. Occasionissima per i lupi. E’ un Avellino che avrebbe meritato il pareggio.

Al’ 40′ ci prova Zullo su punizione, pallone oltre la traversa. E’ l’ultimo sussulto della sfida. E’ un Avellino che avrebbe meritato altra sorte in questo incontro.

Reggina che non ha dimostrato la superiorità in un match in cui i biancoverdi hanno giocato a viso aperto. Fino al vantaggio amaranto, erano stati gli irpini ad avere le occasioni migliori. Di Somma e Capuano contro la direzione arbitrale. Lupi sconfitti, ma applauditi.