Associazione Igor Stravinsky, progetto “AnDante cantabile”: domenica nella Sala delle Arti a Manocalzati

“AnDante cantabile” è il titolo del progetto che l’Associazione Igor Stravinsky sta realizzando nel 2021 nell’ambito delle attività dell’omonima Biblioteca, nata ed operante all’interno dell’Associazione musicale avellinese.

In particolare in occasione dei 700 anni di Dante, il progetto si pone come obiettivo, attraverso riflessioni letterarie, letture e musiche ispirate dal poeta divino e dalla sua Divina Commedia, di approfondire la figura di Francesca da Rimini del canto quinto dell’Inferno

Francesca da Polenta (o da Rimini) commette adulterio innamorandosi del cognato Paolo Malatesta e lo stesso Dante Alighieri, nei sui famosi versi, ebbe a sottolineare il potere della letteratura, che è presentata come causa dell’adulterio: “Galeotto fu ‘llibro e chi lo scrisse: quel giorno più non vi leggemmo avante”.  

A causa di questo adulterio Francesca viene uccisa con violenza dal marito: un atto, dunque, di femmicidio, quale violenza estrema da parte dell’uomo contro la donna, già presente ed evidente  in uno dei canti più suggestivi e famosi della “Divina Commedia” di Dante Alighieri.

Il progetto, dunque, realizzato nella Sala delle Arti e nei locali della Biblioteca Stravinsky, propone incontri che attraverso una lettura non convenzionale di testi, possa avvicinare giovani ed adulti all’approfondimento di tematiche varie tra le quali quella attuale del Femminicidio, sviluppando una coscienza sociale ed un interesse per la lettura, attraverso formule nuove quali la musica.

Domenica 17 ottobre, nella Sala delle Arti a Manocalzati, alle ore 18, è in programma “Francesca da Rimini, nella letteratura, Musica e Divismo”: durante l’incontro la Biblioteca Stravinsky acquisirà formalmente nuovi volumi grazie a De Angelis Art che ha voluto fare omaggio di alcuni suoi preziosi lavori dedicati all’Arte, oltre a romanzi noti a livello iazionale.

A seguire il concerto “AnDANTE cantabile”con un percorso musicale teso a sottolineare in che modo compositori del calibro di Verdi, Donizetti, Puccini o Rossini abbiano saputo riempire il proprio pentagramma delle note suggerite direttamente dalle terzine della V Canto della Commedia dedicate a Francesca da Rimini.

Ad esibirsi il soprano SAMANTHA SAPIENZAe la pianistaNADIA TESTA, accompagnate dai versi recitati da ELISABETTA IANNACCONE.

Obbligo di Green Pass, Info e Prenotazioni al 340 5719845.

Ingresso libero fino esaurimento posti (max n. 50 posti).