ARTE A NAPOLI, AL MASCHIO ANGIOINO L’IRPINIA E’ PROTAGONISTA

Nell’ambito delle manifestazioni per le celebrazioni del Santo Patrono, promosse dalla Diocesi di Napoli e l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, sarà inaugurata lunedì 14 settembre alle ore 18.00 nella Cappella Palatina del Maschio Angioino, alla presenza del Cardinale Crescenzio Sepe e dell’Assessore Elena De Majo, la terza edizione della Mostra d’arte contemporanea ” Il senso del sacro – d’improvviso un altro mondo “. Un progetto che unisce artisti importanti italiani e stranieri per vincere insieme la battaglia contro il coronavirus e raccontare , attraverso lo sguardo dell’arte, il mondo dopo la pandemia.

In esposizione le opere di di Loretta Bartoli Angelo Bellani ,Paolo Berti, Lorenzo Bocca , Maurizio Bonolis, Antonio Bove, Rosario Buccione, Giancarlo Caneva ,Maria Rosaria Caso ,Carla Castaldo,Stefania Colizzi ,Carlo Cottone, Bruno D’Angelo, Fortunato Danise ,Libero G. De Cunzo , Ferdinando De Martino, Giuseppe Di Franco ,Michele Di Martino, Salvatore Esposito,Sofia Ferraioli, Luciano Ferrara, Francesco Gallo Giuseppe Gargiulo Felice Garofano, Salvatore Giunta Gennaro M. Guaccio Lucio Iezzi ,Carlo Improta ,Mimmo Jodice ,Franco Lista, Massimo Maci, Pasquale Manzo, Lazzate Maral, Luciana Mascia, Patrizia Mauro,Antonio Minervini, Lina Modola, Bianca Ottaviano, Filomena Pagnani, Roger Peeraerts, Silia Pellegrino Maria Petraccone, Fernando Pisacane, Anna Ponti, Gino Quinto, Silvia Rea, Ciro Riccardi ,Michele Roccotelli ,Antonella Rotundo, Ariberto Salati ,Elena Saponaro, Vittorio Vanacore ,Arturo Vastarelli,Lucia Vecchiarelli, Maria Villirillo. Protagonista anche l’Irpinia con gli avellinesi  Enzo Angiuoni e Generoso Vella. 

La mostra è documentata da un catalogo pubblicato dalla  Elio de Rosa Editore con coordinamento redazionale di Luciana Mascia e con Testi di Luigi Caramiello, Clementina Gily Reda, Luciana Mascia, Rosario Pinto, Fortunato Danise.

Nel rispetto del disciplinare previsto per l’ingresso al Maschio Angioino, la mostra resterà aperta fino al 18 ottobre e sarà visitabile, con ingresso gratuito , dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 17.00.