Ariano, Grasso si presenta agli elettori: “Una nuova spinta per una città ferma a 15 anni fa”

Carmine Grasso si presenta agli elettori di contrada santa Barbara, chiedendo fiducia per la coalizione di centrosinistra. Franza: “Unitevi a noi, onesti e responsabili”.

Prima tappa tra le contrade e i quartieri arianesi del candidato sindaco per il centrosinistra unito Enrico Franza. L’appuntamento di ieri è stato in contrada Santa Barbara, dove ad accompagnare Franza c’è stato il dottor Carmine Grasso, che ha praticamente giocato in casa, essendo nativo della contrada che non ha mai abbandonato. Incisivo e deciso il suo intervento, con il quale ha spaziato sulle più svariate tematiche, dalla edificazione dei suoli cimiteriali, alla struttura ospedaliera, passando attraverso le strutture sportive del Tricolle.

Coerentemente al programma stilato dal centrosinistra, Grasso ha focalizzato il suo intervento sulla necessità di riqualificazione delle aree periferiche, delle contrade rurali, per porre fine allo spopolamento e alla fuga da parte dei giovani. Come professionista operante sul territorio e come padre, Grasso ha tratteggiato una Ariano regredita rispetto a quindici anni fa, imputando il motivo del decremento sociale, economico e culturale alla cattiva gestione dell’amministrazione uscente, che ha badato sostanzialmente al mantenimento dello status quo, piuttosto che attivarsi per porre in essere politiche di crescita e di espansione.

Quelle che invece il centrosinistra si propone di praticare, come sottolineato nel suo intervento da Enrico Franza, che ha evidenziato come la opposta coalizione che sostiene il candidato sindaco Gambacorta sia generata non da una comunanza di idee, ma da una comunanza di interessi. “Bisogna scongiurare il rischio che l’amministrazione uscente faccia ancora del male ad Ariano”, ha dichiarato Franza, che spinge Ariano verso una nuova fase, puntando sulla digitalizzazione, sulle nuove forme di comunicazione e lavoro e di formazione per i giovani. Tra le sfide del centrosinistra, quella di fare uscire Ariano dall’isolamento, sulla spinta dell’entusiasmo “di una nuova classe dirigente che si propone ai cittadini con umiltà e con senso di responsabilità”.