Aree interne, la nota di Castiglione (Fratelli d’Italia)

«Sento parlare continuamente di napolicentrismo, salernocentrismo e casertacentrismo, vedo continuamente foto di politici che, con passerelle più o meno brillanti, girano queste tre province senza condivisione alcuna con riferimenti territoriali facendo a gara a chi scatta più foto o mangia più pizza, babà o sfogliatelle; un po’ tutti gli schieramenti e tutti i colori politici fanno a gara a pronunciare in positivo o in negativo queste Città», è quanto afferma Alessia Castiglione vice coordinatore regionale di Fratelli d’Italia.

«A tutte queste belle persone – continua Castiglione – voglio ricordare che la Campania non finisce, esistono Irpinia e Sannio, terre straordinarie ricche di storia e tradizione, che vengono, però, ricordate puntualmente in ogni campagna elettorale come territori da sfruttare fino all’ultimo voto, creare fratture, promettere tutto e tutti e non far crescere mai rimanendo sempre delle potenzialità inespresse; serve, perciò, una battaglia identitaria per le aree interne che dia dignità alle stesse e che sia capace di dettare dinamiche e tempi giusti senza aspettare il compitino del candidato di turno; da candidata al Parlamento ho girato sia l’Irpinia che il Sannio e fa male vedere questi territori mortificati da un azione politica inefficace e calibrata solo per analisi dei dati elettorali. In Irpinia sono nata e nel Sannio ho deciso di laurearmi – conclude Castiglione – il mio cuore è in questo Territorio, abbiamo bisogno di cooperare realmente e portare le nostre istanze direttamente a Roma senza filtri strumentali è l’unico modo per ridare splendore a Territori meravigliosi, da subito a lavoro realmente e concretamente».