Anche l’Us Avellino entra nel mondo Esports

L’Us Avellino entra negli ESports. Il club biancoverde sarà infatti protagonista di una serie di iniziative nel mondo del gaming online con tornei, amichevoli ed altre iniziative volte a fidelizzare ed attrarre tifosi e permettere loro di affacciarsi, insieme al club, verso il nuovo panorama dell’intrattenimento videoludico.

Per non farsi trovare impreparata, l’Us Avellino ha siglato una partnership con Lupi Esport, gruppo di player campano attivo dall’agosto 2019 che, in poco più di un anno, ha già raggiunto risultati prestigiosi a livello internazionale su Fifa. I fondatori sono gli avellinesi Matteo BarbarisiCarmine Pellecchia e Nicola Maria Pio IandoloBarbarisi e Pellecchia, che hanno già esperienze nel mondo del gaming (per loro anche una parentesi con il team esport dell’Empoli)  insieme a Iandolo curano ora l’organizzazione del team mentre le competizioni sono affidate ad una serie di player che si sono distinti per abilità e bravura. Tra loro c’è Francesco Landi, classe ’97 di Solofra, che è stato selezionato per rappresentare l’Us Avellino nelle prossime amichevoli ufficiali.

Landi (tag JokerClown14) ha già avuto modo di confrontarsi con i migliori player al mondo nella FutChampions di Fifa.

L’esordio dell’Avellino Esport sarà domani, alle ore 17, contro il team Esport del Monopoli Calcio. La partita sarà trasmessa in diretta sul canale Twitch ufficiale dell’Us Avellino (usavellino_esport) e sarà un’occasione, oltre che per rivivere le sfide di campionato tra i due club del girone C di Lega Pro, per lanciare un piccolo messaggio di solidarietà: i team si sfideranno infatti utilizzando entrambi la Nazionale Italiana.

Grazie a questa partnership, l’Us Avellino è ora la quarta squadra di tutta la Lega Pro (dopo Monza, Carrarese e Monopoli) a dotarsi di un proprio team di Esport. La scelta del canale social Twitch e le future iniziative che verranno intraprese saranno per il club un nuovo veicolo di aggregazione ed inclusione, specialmente per le nuove generazioni ed i tifosi più giovani.