Aggredì l’ex compagna a martellate in testa: Galluccio resta in carcere

Colpì a martellate in testa l’ex compagna in pieno centro, ad Avellino.

Resta in carcere Gerardo Galluccio: respinto il ricorso contro la misura cautelare della custodia alla quale il 57enne avellinese è tuttora sottoposto.

I fatti risalgono al 18 settembre dello scorso anno. L’uomo, in Corso Europa, aspettò che l’ex compagna uscisse dal posto di lavoro per poi aggredirla a martellate in testa. La violenza avvenne in pieno giorno, intorno alle 13.

La donna, costituita parte civile, fu soccorsa tempestivamente dall’ex calciatore dell’Avellino, Raffaele Biancolino, che gestisce un negozio di abbigliamento a pochi passi dal luogo dell’aggressione.

Per Galluccio, il processo inizierà il prossimo 9 aprile dinanzi al Tribunale di Avellino, in composizione collegiale presideuto dal giudoce Luigi Buono.