Acai, Ardolino: “Urp Ispettorato provinciale del Lavoro di Avellino modello positivo per la gestione servizi pubblici“

Il rapporto tra utenza e pubblica amministrazione è un nodo fondamentale per un pieno esercizio dei diritti dei cittadini. L’Urp dell’Ispettorato del Lavoro di Avellino rappresenta un modello positivo, efficace e funzionale, che può essere considerato  come riferimento”. Ad affermarlo è il segretario nazionale dell’Acai onlus,associazione di tutela dei consumatori e dell’inquilinato, l’irpino Giovanni Ardolino, responsabile del sindacato Federdipendenti.
Nel nostro impegno quotidiano sul campo – prosegue il dirigente sindacale – abbiamo un costante rapporto, non solo con lavoratori, pensionati, disoccupati, ma anche con enti pubblici ed aziende private, con le quali ci confrontiamo per cercare di risolvere i problemi dei nostri iscritti e più in generale dei cittadini. Un rapporto che manteniamo sempre nel rispetto dei reciproci ruoli, che non di rado però risulta difficoltoso, a causa di inerzie, disservizi e appesantimenti burocratici, che complicano la vita delle persone, minando la fiducia nei confronti di istituzioni ed imprese. Ci preme però sottolineare, con imparzialità e onestà intellettuale, anche le situazioni positive che registriamo sul territorio, dando merito a chi svolge con senso di responsabilità, professionalità ed attenzione le delicate mansioni che gli sono affidate. E’ il caso, ad esempio, dell’Urp – Ufficio relazioni con il pubblico dell’Ispettorato provinciale del Lavoro di Avellino. L’approccio di questa struttura con l’utenza e con chi formalmente la rappresenta, i tempi di gestione di una pratica, di un contenzioso o di una conciliazione, che non sono solo faldoni cartacei o digitali, ma problemi concreti di un lavoratore in cerca di risposte e di un riconoscimento di un proprio diritto, sono assolutamente positivi, con tempi di attesa nettamente inferiori ad altri uffici della stessa amministrazione centrale ”
L’Acai e la Federdipendenti – conclude Ardolino – portando avanti la propria ricognizione sul territorio, avverte l’esigenza quindi di dare merito a chi svolge bene il proprio lavoro. In particolare, ci riferiamo agli impiegati dell’Urp dell’Ispettorato di Avellino, al dottor Mario D’Andrea, spesso nostra interfaccia diretta, e alla responsabile dell’ufficio, la dottoressa Teresa Cappa che ha compiuto sforzi organizzativi notevoli. Un servizio che non è venuto mai meno, anche in termini di standard qualitativi, pure durante l’emergenza Covid,  nonostante le carenze di organico esistenti, che altrove rischiano di essere trasformate in un caprio espiatorio per ogni disservizio. Una situazione che dovrebbe far riflettere sull’importanza delle strutture di prima informazione, contatto ed orientamento dell’utenza nella pubblica amministrazione, ma anche nelle aziende private erogatrici di servizi, ed in generale sulla possibilità e necessità di migliorare la qualità dei servizi offerti dgali enti sul territorio”.