A SANT’ANGELO DEI LOMBARDI SI PRESENTA L’ULTIMO LIBRO DI MICHELE VESPASIANO

Parla di amore e di delusione “Per ultimo l’amore”, il nuovo romanzo di Michele Vespasiano, ABE Editore, che viene presentato venerdì 13 agosto a Sant’Angelo dei Lombardi, nel Cortile del Palazzo Arcivescovile, alle ore 18:00.

Sugli aspetti etici, sociologici ed psicologici delle tematiche sulle quali è focalizzata la narrazione, si confronteranno assieme all’autore la psicoterapeuta Pina Aurilia, don Piero Fulchini e la sociologa Rosetta D’Amelio, consigliera per le pari opportunità della Regione Campania.

Il libro è il prequel del fortunato romanzo “La ragazza di Vizzini”, scritto a quattro mani da Michele Vespasiano ed Emanuela Sica, del quale, riavvolgendo il filo degli eventi, riprende le vicende di Mimì Santangelo, svelando gli antefatti che hanno portato il giovane avvocato napoletano sul traghetto per la Sicilia, dove poi scocca la scintilla dell’innamoramento per Camila, la bella e misteriosa archeologa siciliana.

In quest’ultima prova narrativa lo scrittore santangiolese pone al centro gli sbagli, i peccati e le capitolazioni dell’amore imperfetto, che è lesto a scivolare sul piano inclinato della colpa e capace di travolgere presente e futuro in un imprevisto sconvolgimento emozionale.

Tranne alcune pur pregevoli divagazioni, la trama si snoda per lo più a Napoli, la città più imprevedibile che ci sia, dove l’amore tra Mimì e Carla si veste di mille tinte mentre tante altre le lascia intravedere in controluce. Non manca a questa tavolozza le sfumature caliginose e insopportabili della delusione e del tradimento. Cosicché, dei mille culure cantati da Pino Daniele, il passionale e struggente amore fra i due giovani finirà per assumere i toni suadenti dell’alba e del tramonto, con i chiaroscuri, le contraddizioni, le incoerenze. Fino a far svaporare i contrasti nella profondità dell’azzurro del cielo e nel blu di un cappello di paglia, dai quali prende spunto la trama del primo romanzo.

La copertina è impreziosita dal rimando al dipinto di Salvatore Mazzeo, “Donna allo specchio (in collezione privata), da cui trae l’eleganza grafica e le suggestioni narrative.

Michele Vespasiano, giornalista pubblicista, si occupa di storia, arte e costume, con particolare attenzione alle realtà appenniniche trattate in numerosi libri e saggi.

Per la narrativa, tra i suoi ultimi lavori ha dato alle stampe le raccolte di racconti Taccuino dei giorni fuori squadro (2020) e Voglio vivere altrimenti (2019) con D. Fuschetto, il romanzo La ragazza di Vizzini (2018) con E. Sica, e curato diverse collettanee.

Ha vinto vari premi letterari e i suoi racconti compaiono in importanti antologie. Queste quelle uscite nel 2020: Irpinia 1980-2020, Un tempo diverso, Irpini per sempre, Volan quasi farfalle, L’Irpinia nei giorni dell’emergenza.