Presentato ufficialmente il cartellone dell’estate avellinese, ci sarà Franco 126

L’Assessore alle Politiche Giovanili, al Patrimonio e agli Eventi, Stefano Luongo in compagnia del sindaco Gianluca Festa e del vice Laura Nargi ha presentato alla città il programma degli eventi che inizieranno i primi di agosto fino a settembre. Spazio alle band irpine, ma non solo: “Questa mattina, insieme al Sindaco e a tutta l’Amministrazione, ho presentato il programma dell’Estate Avellinese 2019 – dichiara Luongo. Avremo Ghemon, è lui lo spirito, l’emblema della nostra ampia manifestazione.

Si parte dal ‘Made in Irpinia’ e quindi dalla valorizzazione delle risorse irpine, da chi si è già affermato nello scenario nazionale a chi sta facendo la cosiddetta ‘gavetta’ per raggiungere livelli importanti, parliamo dei Molotov d’Irpinia, Vinyl Gianpy, Marcello Apicella, Spaghetti style, Tarantella Montemaranese e i Malamente che sono solo una piccola parte degli artisti locali coinvolti, che animeranno tutte le zone della città: dal centro ai quartieri, toccando tutti quei luoghi che nel corso degli anni sono stati trascurati”.

Altri nomi ‘big’ che fanno da cornice: “Eugenio Bennato, Andrea Sannino, Livio Cori, Jam Senese e Napoli Centrale, Enzo Gragnaniello, Erminio Sinni e i Bottari di Macerata Campania. Uno degli obiettivi è ridare ad Avellino centralità all’interno del circuito campano. È questo il secondo tema della manifestazione. Per molti anni siamo stati considerati l’ultimo capoluogo della Regione: il messaggio che vogliamo lanciare è che possiamo essere considerati anche dalle altre province, con curiosità e interesse”.

Oltre Ghemon, il concerto di Piazza Kennedy sarà affidato a Franco 126, idolo dei teenager.

Tra le novità, Luongo ha voluto il Tommariello D’Oro ad Avellino: “Lo presenterà Massimo Giletti, ci saranno molti ospiti nazionali, inoltre Luca Abete, Carmine Gargiulo e Molettieri ci racconteranno la loro carriera e la loro storia”.

“Spazio a teatro e cinema – continua Luongo. Sono presenti con rassegne specifiche all’aperto rispettivamente a Piazza del Popolo e a Piazza Duomo, con il coinvolgimento di compagnie e realtá locali. Non mancheranno gli artisti di strada in tutti i weekend per il Corso”.

Luongo da attenzione anche ai più piccoli: “Per 30 giorni a Parco Kennedy verrà allestito un grande villaggio per i più piccoli con giochi artigianali, capaci di creare aggregazione sociale ecologica e costruttiva”.

Sull’arte e sul ballo: “Si va dalla street art, con la realizzazione di murales su alcuni muri del Corso, che richiameranno il tema della musica e dell’enogastronomia, a mostre fotografiche in alcune strutture comunali. Il tango in Piazza Libertà ogni mercoledì. Eleganza e classe per vivacizzare la piazza più importante della città”.

“Abbiamo lavorato, insieme ai due Direttori Artistici, Roberto D’Agnese e Gianni Simioli, giorno e notte -conclude l’Assessore in pochissimo tempo, per dare alla comunità avellinese vivacitá ed entusiasmo, elementi propedeutici per rendere Avellino attrattiva per la provincia e per l’intera Regione”.

“Il programma completo, che prevedrà anche le attività delle varie associazioni avellinesi, sarà comunicato e pubblicato nei prossimi giorni con un’apposita conferenza stampa e campagna di comunicazione”.